La Madonna del Soccorso

Tra le tradizioni popolari che hanno luogo a Sciacca, sicuramente la più importante e la più sentita dalla cittadinanza tutta, perfino dai Saccensi che per un motivo o per un altro hanno dovuto lasciare Sciacca emigrando all’estero è la festa in onore della Madonna del Soccorso patrona della città di Sciacca.

La ricorrenza si ripete per ben due volte l’anno una prima volta il 2 febbraio, la seconda volta il 5 agosto.

Si tratta quindi della principale festa religiosa di Sciacca. I racconti storici riportano che la statua della Madonna fu trovata in mare durante un brutto periodo storico che Sciacca ricorda adesso con devozione.
In quel periodo Sciacca era stretta dalla morsa della peste ma il 1° febbraio del 1626 l’intera popolazione iniziò un pellegrinaggio “U vutu” dalla chiesa di Sant’Agostino alla Chiesa Madre.

Il giorno seguente, quindi il 2 febbraio una folta schiera di marinai a piedi scalzi portarono a spalla la statua della Madonna ritrovata in mare, in processione per le strade della città.
Giunti nell’area della piccola Maestranza (oggi via Licata) dal cielo si sprigionò un fulmine che colpì la base della vara della Madonna dalla quale si levò una fumata.
Da quell’istante tutti i saccensi guarirono della peste, che fu debellata definitivamente dalla città.

Tanta fu ed ancor oggi persiste la gratitudine dei Saccensi, che i festeggiamenti in onore della Madonna del Soccorso come su detto vengono svolti per ben due volte l’anno.
Sicuramente è in occasione della seconda, che si svolge in piena estate, che si vede la devozione dei Saccensi in toto, tenendo conto che proprio in quest’occasione più che nella prima si ha un’alta partecipazione di Saccensi devoti che approfittano del periodo estivo e quindi delle ferie,per recarsi a Sciacca da ogni dove, infatti sono parecchie le presenze di Saccensi emigrati per motivi di lavoro che appunto approfittando del periodo estivo tornano per partecipare alla processione che si evolve per le vie del centro della città.

Oggi Il simulacro come da tradizione è portato a spalla dai pescatori a piedi nudi e per due volte è rivolto verso il mare, sia per scongiurare il pericolo d'inondazioni, maremoti e simili sventure sia per ringraziare il luogo in cui fu trovata miracolosamente la statua.

Ti potrebbe interessare anche:

Richiesta disponibilitÓ

Nome:
Cognome:
Email:
Telefono:
Persone:
dal:
al:
  Privacy
Note:
 
Copia il codice qui:

LocalitÓ siciliane

Sciacca, ottimo punto di partenza per effettuare escursioni di un giorno o più, verso le più rinomate località siciliane.
Conoscere la Sicilia visitando luoghi, ognuno dei quali con proprie  caratteristiche, artistiche, architettoniche, gastronomiche.

Sciacca

Thermae Selinuntine in epoca greca, Aquae Labodes sotto Diocleziano. I due antichi toponimi riassumono già la caratteristica per cui la Sciacca di oggi è conosciuta in tutto il mondo come la ...

[continua]

Selinunte

Fondata nel 651-650 a.C. o nel 627 a.C., Selinunte costituì la punta avanzata dell’elemento greco verso la Sicilia occidentale. Sorse su un promontorio sul mare, tra due fiumi con l'estuario allora ...

[continua]

Erice

Sulla sommità del Monte San Giuliano, a 571 mt d'altezza sorge Erice: il suo nome deriva dal siculo-italico Eryx, che significa monte. La zona, di straordinaria bellezza, e naturalmente munita, fu abitata sin ...

[continua]

Segesta

Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo la tradizione antica, proveniva da Troia.
La città, fortemente ellenizzata per aspetto ...

[continua]

Hotel Melqart
Via Mulini, 10/12/14 - 92019 Sciacca (Ag)
telefono: +39.092521828 - email: info@melqarthotel.it
Partita IVA: 02378990846
La Nostra Struttura Tariffe & Servizi Offerte & Promozioni Il Melqart Arrivare da Noi Eventi Contatti Fotogallery
Concept & design by www.comunicas.it