Il Melqart

Il Melqart è una statuetta bronzea di fattura Fenicia (IX-XI secolo A.C) ritrovata nel 1955 nel tratto di mare compreso tra Sciacca e Selinunte, proprio da marinai saccensi durante una battuta di pesca (dal motopesca saccense “Angelica Madre”).
Chi ne parla si lascia spesso andare definendo la statueta un unicum nel suo genere non avendo ancora ritrovato sul territorio italiano altri reperti con la quale confrontarla in Italia.

Statuetta MelqartIl rinvenimento della statuetta votiva, creò da subito undibattitto culturale tra studiosi che si occuparono del particolare ritrovamento. Negli anni, una serie di tesi vennero dapprima accettate dalla comunità di studio, poi, allo stesso tempo smentite, fin quando lo storico e studioso V. Tusa lo identificò nel “Melqart” come espressione fenicia nel Mediterraneo occidentale.
Il reperto bronzeo misura circa 35 cm ed è fissato ad una base tramite due supporti che allo stato attuale si presentano molto rovinati.
Rappresenta una figura virile nella posa del “dio abbattente”: ha la gamba sinistra avanzata, il braccio destro sollevato verso il cielo, il sinistro abbassato con l'avambraccio proteso in avanti.
Le mani sono serrate a pugno e attraversate da due fori, che sicuramente alle origini dovrebbero aver supportato degli accessori ornamentali (presumibilmente riproduzioni di armi da guerra del periodo). La figura barbata, cinge sul capo il tipico atef fenicio (una corona), ha il torso nudo e indossa lo shenti (tipico gonnellino identificabile nello stile egiziano).
La lunga permanenza in mare ha comunque deteriorato alcuni preziosi dettagli per lo più sulla parte posteriore del reperto bronzeo.

Il Melqart di Sciacca rientra in una nota classe di scultura in bronzo quella del dio abbattente. Questa iconografia, trova la sua più remota nascita in Egitto, è caratterizzata dal braccio destro sollevato verso l'alto nella posizione dello scagliare e rappresenta una divinità in atteggiamento bellicoso.

Gli studiosi sono convinti che con ogni probabilità si dovesse trattare del dio della tempesta. Attualmente è conservato presso il museo “Salinas” di Palermo.

Si spera prossimamente, di averla a Sciacca, all'interno del museo del mare.

Ti potrebbe interessare anche:

Richiesta disponibilitÓ

Nome:
Cognome:
Email:
Telefono:
Persone:
dal:
al:
  Privacy
Note:
 
Copia il codice qui:

LocalitÓ siciliane

Sciacca, ottimo punto di partenza per effettuare escursioni di un giorno o più, verso le più rinomate località siciliane.
Conoscere la Sicilia visitando luoghi, ognuno dei quali con proprie  caratteristiche, artistiche, architettoniche, gastronomiche.

Erice

Sulla sommità del Monte San Giuliano, a 571 mt d'altezza sorge Erice: il suo nome deriva dal siculo-italico Eryx, che significa monte. La zona, di straordinaria bellezza, e naturalmente munita, fu abitata sin ...

[continua]

Sciacca

Thermae Selinuntine in epoca greca, Aquae Labodes sotto Diocleziano. I due antichi toponimi riassumono già la caratteristica per cui la Sciacca di oggi è conosciuta in tutto il mondo come la ...

[continua]

Palermo

Palermo è il capoluogo della Sicilia e quinta città d’Italia (660.460 abitanti, ma oltre un milione considerando l’hinterland).
Posta al centro del Mediterraneo, culla delle più ...

[continua]

Isola di Mothia

Mozia è un'antica colonia fenicia fondata nell'VIII sec. a.C. su una delle quattro isole della laguna dello Stagnone, l'isola di San Pantaleo (nome datole in periodo alto medievale da monaci basiliani ...

[continua]

Hotel Melqart
Via Mulini, 10/12/14 - 92019 Sciacca (Ag)
telefono: +39.092521828 - email: info@melqarthotel.it
Partita IVA: 02378990846
La Nostra Struttura Tariffe & Servizi Offerte & Promozioni Il Melqart Arrivare da Noi Eventi Contatti Fotogallery
Concept & design by www.comunicas.it